Home » UN’INTERESSANTE TESI DI SPECIALIZZAZIONE IN CHIRURGIA GENERALE

UN’INTERESSANTE TESI DI SPECIALIZZAZIONE IN CHIRURGIA GENERALE

La chirurgia mininvasiva per la riparazione dei difetti di parete, come già riportato in più post precedenti, mi ha spinto a sviluppare ed eseguire la tecnica chiamata e-TEP (extended – Totally Extra Peritoneal) laparoscopica.

Da novembre 2019 a settembre 2021 sono stati sottoposti a tale tecnica 20 pazienti e ne sono stati raccolti i dati peri-operatori e di follow-up.

DAL LAVORO ALLA TESI IL PASSO è BREVE

L’interpretazione dei dati e la valutazione dei risultati sono stati tanto interessanti che tutto il lavoro fatto ha preso forma divenendo la tesi di fine studi di un medico,  studente della scuola di specializzazione di chirurgia generale dell’università degli studi dell’Insubria.

LAPAROSCOPIC EXTENDED EXTRAPERITONEAL RIVES-STOPPA (lap eTEP – RS) PER IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DI PARETE.

DESCRIZIONE DELLA TECNICA E RISULTATI PRELIMINARI.”

La tesi è stata così sviluppata:

UNO SGUARDO DA PIù VICINO

Se si è curiosi e si clicca sull’immagine della copertina della tesi, si ha la possibilità di leggere le pagine che riguardano la parte seconda cioè in particolare la tecnica e-TEP, i dati raccolti e i risultati ottenuti.

Non posso che complimentarmi con il collega che si è specializzato con la lode e che ha ricevuto l’elogio dai professori in commissione per il lavoro di tesi svolto; ne sono orgoglioso. Bravo Luca!

ARTICOLI RECENTI

“DOTTORE, E SE L’ERNIA CE L’AVESSE LEI, COME SI FAREBBE OPERARE?”

Se fosse tecnicamente indifferente scegliere una tecnica piuttosto che un’altra, in particolare pensando a me stesso, la mia risposta sarebbe: “mi opererei con una tecnica mininvasiva laparoscopica, nello specifico quella chiamata “TEP” (total extra peritoneal)” per gli innumerevoli vantaggi verificati sul campo in 20 anni di esperienza.

TAILORED SURGERY – CHIRURGIA SU MISURA: È DAVVERO LA NOSTRA PAROLA D’ORDINE?

Il chirurgo che propone una chirurgia sartoriale nella riparazione delle ernie, dispone tecniche che spaziano dalla chirurgia open a quella mininvasiva con possibilità di disporre la rete in spazi differenti della parete, per poter far fronte sia a difficoltà e specificità propriamente chirurgiche, sia a richieste specifiche del paziente, laddove applicabili.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con la tua rete sul social network che preferisci!