TECNICHE CHIRURGICHE

Open e laparoscopiche

Descrizione, usi e vantaggi.

quale tecnica adottare?

La riparazione di un’ernia può avvenire esclusivamente per via chirurgica, ma le tecniche che possono essere utilizzate sono molteplici, e sono in costante evoluzione.

E’ compito del chirurgo definire la tipologia di intervento da effettuare, sulla base della peculiarità del caso clinico, e spiegare al paziente quali siano i vantaggi che essa comporta per la sua specifica situazione.

TRATTAMENTI MININVASIVI

Grazie al livello tecnologico raggiunto e all’elevata specializzazione chirurgica, il trattamento mininvasivo delle ernie o dei laparoceli è una realtà oramai consolidata della cosiddetta “tailored surgery”. Alcune tecniche sono assolutamente ben delineate, altre in continua evoluzione e miglioramento.

Affidarsi ad un chirurgo esperto è importante per giungere ad una diagnosi chiara e ad un trattamento efficace e corretto.

ERNIE DELLA REGIONE INGUINALE

Le tecniche laparoscopiche più frequentemente utilizzate in questi casi sono:

  • TEP (totally extra peritoneal) dove i ferri chirurgici non raggiungono la cavità intraddominale e la rete di rinforzo viene posizionata nel piano preperitoneale

  • TAPP (trans abdominal pre peritoneal) l’accesso al piano preperitoneale avviene dallo spazio intraddominale

LAPAROCELI, ERNIE OMBELICALI o EPIGASTRICHE

Per queste fattispecie si prevedono le seguenti tecniche laparoscopiche:

  • IPOM (intra-peritoneal onlay mesh) prevede il posizionamento della rete sul peritoneo parietale, quindi una superficie sul peritoneo e una verso i visceri intraddominali
  • eTEP (extended totally extra-peritoneal) tecnica di nuova ideazione che prevede il posizionamento della rete sul lato posteriore del ventre dei muscoli retti

INDICAZIONI

Le tecniche open per il trattamento chirurgico dei difetti di parete vengono adottate quando i difetti di parete risultano tanto grandi e complessi da non essere aggredibili con metodica mininvasiva, ma anche nel caso in cui ci siano controindicazioni anestesiologiche o presenza di comorbidità che rendano obbligatorio il trattamento per via anteriore.

ERNIE DELLA REGIONE INGUINALE

Le tecniche utilizzate in questi casi sono:

  • Lichtenstein
  • Stoppa
  • Bassini *
  • Desarda *

* Tecniche che non adottano l’utilizzo di protesi

LAPAROCELI

Per il loro trattamento vengono invece impiegate le tecniche:

  • Chevrel
  • Rives – Stoppa
  • Carbonell ACS (anterior component separation)
  • Rosen PCS TAR (posterior component separation – trasversus abdominis release)