Home » DI COVID, VACCINI E SISTEMA SANITARIO

DI COVID, VACCINI E SISTEMA SANITARIO

Ci risiamo, il Covid ha avuto ancora una volta la meglio sul nostro Sistema Sanitario e sulla nostra capacità organizzativa, ad un anno dalla prima ondata.

Tutto sospeso.

Attività chirurgica nuovamente interrotta

Nel mio settore specifico significa che l’attività chirurgica programmata è stata nuovamente sospesa.

Chi ha un difetto di parete, chi ha una malattia diverticolare, chi ha i calcoli della colecisti deve attendere, sperando di non stare male, di non dover essere sottoposto ad intervento chirurgico urgente perché la propria condizione sia drammaticamente peggiorata.

Si riuscirà a tornare alla normalità?

Mi chiedo se saremo e saranno, coloro che effettuano scelte apicali logistiche e organizzative, adeguatamente elastici nelle decisioni e negli adeguamenti per riuscire a tornare rapidamente alla normalità quando i numeri dei malati ospedalizzati per Covid si ridurranno.

L'importanza del vaccino anti-covid

Nel frattempo mi auguro che la campagna vaccinale prenda sempre più piede, perché attualmente è l’unica speranza a breve termine perché non fallisca l’intero sistema che sia sanitario, economico o umano.

A gennaio mi sono vaccinato perseguendo un ideale responsabile nei confronti miei, dei miei cari e della società, ben consapevole che il rischio non è mai uguale a “zero”. Come non lo è quando si assume una tachipirina, o si prende l’auto per andare al lavoro, o si va a fare una bella passeggiata in montagna.

Il mio nuovo canale Youtube

In questo momento di incertezza chirurgica ho deciso di dedicarmi anche all’editing video degli interventi chirurgici laparoscopici da me eseguiti, disponibili sul mio canale YouTube, dando la possibilità a chi sia interessato di vedere e cercare di capire cosa siano questi interventi chirurgici di parete all’avanguardia e mini-invasivi: TEP, E-TEP Rives, E-TEP Stoppa, TAPP, IPOM (Plus).

E’ possibile iscriversi al canale per ricevere una notifica ad ogni nuovo video postato.

Continuate a seguirmi, vi farò sapere come evolverà la programmazione chirurgica e vaccinatevi, perché vogliamo tornare ad una vita un po’ più normale!

ARTICOLI RECENTI

“DOTTORE, E SE L’ERNIA CE L’AVESSE LEI, COME SI FAREBBE OPERARE?”

Se fosse tecnicamente indifferente scegliere una tecnica piuttosto che un’altra, in particolare pensando a me stesso, la mia risposta sarebbe: “mi opererei con una tecnica mininvasiva laparoscopica, nello specifico quella chiamata “TEP” (total extra peritoneal)” per gli innumerevoli vantaggi verificati sul campo in 20 anni di esperienza.

TAILORED SURGERY – CHIRURGIA SU MISURA: È DAVVERO LA NOSTRA PAROLA D’ORDINE?

Il chirurgo che propone una chirurgia sartoriale nella riparazione delle ernie, dispone tecniche che spaziano dalla chirurgia open a quella mininvasiva con possibilità di disporre la rete in spazi differenti della parete, per poter far fronte sia a difficoltà e specificità propriamente chirurgiche, sia a richieste specifiche del paziente, laddove applicabili.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con la tua rete sul social network che preferisci!