Blog>UN NUOVO RICONOSCIMENTO: IL CERTIFICATO DI ACCREDITAMENTO ISHAWS COME “HERNIA SURGEON”

 

UN NUOVO RICONOSCIMENTO: IL CERTIFICATO DI ACCREDITAMENTO ISHAWS COME “HERNIA SURGEON”

Sono lieto di condividere con voi questo nuovo riconoscimento alla mia professionalità.

COS’E’ ISHAWS

La Italian Society of Hernia and Abdominal Wall Surgery (ISHAWS) è la società italiana punto di riferimento nel settore delle affezioni della parete addominale.  

Afferisce alla EHS (European Hernia Society) e ne condivide pienamente gli obiettivi.  Per garantire un risultato chirurgico in linea con gli standard europei, e definire se un chirurgo possieda realmente le capacità per offrire un trattamento adeguato, propone “un programma valutativo di accreditamento in chirurgia della parete addominale per il singolo professionista, nonché per le strutture chirurgiche, con lo scopo di poter individuare e certificare il livello di qualità dell’offerta sanitaria”.

Ricordiamo che ogni anno in Italia sono eseguiti circa 200.000 interventi di riparazione di ernia inguinale: si tratta dell’intervento di chirurgia generale più diffuso, perché questa patologia colpisce un maschio su cinque.

PERCHE’ HO INTRAPRESO QUESTO PERCORSO

In quanto già membro della EHS (come avete appreso qui), ho ritenuto importante intraprendere anche il percorso di accreditamento dell’ISHAWS, in particolar modo alla luce della mia attività chirurgica del 2019 che spazia dalle tecniche open alle ultime innovazioni in fatto di tecniche laparoscopiche.

Grazie a ciò sarà ora possibile valorizzare in modo preciso e referenziale l’attività chirurgica svolta nella realtà dove lavoro, l’ospedale “Galmarini” di Tradate, e di conseguenza creare le condizioni ottimali per offrire all’utenza un vero e proprio servizio tailored sulle specifiche esigenze di ognuno.

IN COSA CONSISTE IL PROTOCOLLO DI ACCREDITAMENTO

Il protocollo di accreditamento, insieme al metodo utilizzato per elaborarlo (systematic reviews), sono stati oggetto di una importante pubblicazione scientifica sull’ “International Journal of Surgery”, rivista di grande rilievo scientifico internazionale, e sono consultabili.

L’accreditamento ISHAWS del singolo Chirurgo viene concesso dopo valutazione da parte di una commissione esaminatrice che prende visione del numero e varietà di procedure eseguite annualmente, certificato dalla Direzione Sanitaria dell’Azienda Sanitaria di riferimento, attestando l’ottenimento della learning curve.

UN OBIETTIVO IMPORTANTE

Come indicato dallo statuto dell’Hernia center di ISHAWS, l’obiettivo, che io condivido appieno, è quello di “indicare e verificare il possesso di specifici requisiti relativi non solo alla quantità delle prestazioni erogate, ma anche alle condizioni strutturali, organizzative, di funzionamento, di qualità della prestazione sanitaria e di risultati.”

Con orgoglio condivido quindi con voi il certificato di accreditamento di I livello, leggendolo come occasione per poter proseguire un percorso di miglioramento personale e perfezionamento del lavoro svolto.

Vi aspetto per il nostro prossimo post, in cui descriveremo gli strumenti del chirurgo. Non perdetelo!

ARTICOLI RECENTI

L’ERNIA INGUINALE NELLO SPORTIVO

Gli atleti o gli sportivi in generale possono essere afflitti da una vera e propria ernia inguinale. Chiariamo subito che non è quella che viene chiamata "sports hernia". Nel post faccio un po' di chiarezza e una proposta chirurgica. Per finire: sempre in tour per la salute!

“DOTTORE, E SE L’ERNIA CE L’AVESSE LEI, COME SI FAREBBE OPERARE?”

Se fosse tecnicamente indifferente scegliere una tecnica piuttosto che un’altra, in particolare pensando a me stesso, la mia risposta sarebbe: “mi opererei con una tecnica mininvasiva laparoscopica, nello specifico quella chiamata “TEP” (total extra peritoneal)” per gli innumerevoli vantaggi verificati sul campo in 20 anni di esperienza.

TAILORED SURGERY – CHIRURGIA SU MISURA: È DAVVERO LA NOSTRA PAROLA D’ORDINE?

Il chirurgo che propone una chirurgia sartoriale nella riparazione delle ernie, dispone tecniche che spaziano dalla chirurgia open a quella mininvasiva con possibilità di disporre la rete in spazi differenti della parete, per poter far fronte sia a difficoltà e specificità propriamente chirurgiche, sia a richieste specifiche del paziente, laddove applicabili.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con la tua rete sul social network che preferisci!