Home » CHIRURGIA DAY SURGERY E AMBULATORIALE di TRADATE: NUOVO RESPONSABILE Dr. Marco Rovagnati

CHIRURGIA DAY SURGERY E AMBULATORIALE di TRADATE: NUOVO RESPONSABILE Dr. Marco Rovagnati

A partire dal giorno 01 luglio 2020 mi è stata conferita la nomina, da parte del direttore generale Dott. Gianni Bonelli, di Responsabile della struttura semplice di day surgery e ambulatoriale dell’ospedale di Tradate.

Cos’è la day surgery

Oramai assodato, nella storia della chirurgia, il concetto “day surgery” descrive una chirurgia veloce, efficace, riproducibile, a basso impatto economico e sociale; una chirurgia percepita “friendly” perché il passaggio in cura ospedaliera è quasi impercettibile da parte dell’utente ospedaliero: si entra la mattina e si torna al proprio domicilio alla sera.

Indicazioni e limiti

L’anestesia generale che fino a qualche anno fa, escludeva a priori la possibilità di procedere alla chirurgia di un giorno, ora, grazie a farmaci ultra-specifici e grazie a protocolli sempre meglio definiti, non è più un reale limite.

Spesso invece il dolore post-operatorio è un parametro che influisce fortemente e negativamente sull’indicazione alla dimissione in giornata.

Come si può superare questo ostacolo? Certamente i farmaci antidolorifici aiutano, come un’anestesia locale di supporto (come ad esempio il TAP block – Transversus Abdominis Plane block di cui avevo parlato in questo post), ma sicuramente la chirurgia mininvasiva amplia significativamente l’orizzonte degli interventi eseguibili in regime di day-surgery.

Il mio obiettivo come responsabile di chirurgia day surgery

Già da tempo in casi selezionati ed in condizioni precise si è iniziato a candidare pazienti da sottoporre ad intervento di colecistectomia laparoscopica.

Già con criteri simili sottopongo pazienti alla chirurgia mininvasiva nella riparazione di ernie inguinali, ombelicali ed epigastriche con tecniche quali TEP, TAPP VLS o posizionamento di VENTRAL PATCH.

Ma la sfida che raccolgo con me stesso è arrivare ad includere nella chirurgia di un giorno, dove vi siano i criteri di sicurezza adeguati, gli interventi di e-TEP (Rives – Stoppa per via laparoscopica) per la riparazione dei difetti di parete più complessi, quali ernie inguinali permagne, laparoceli ed ernie della linea mediana, forte dei risultati ottenuti e dell’ottima tolleranza riferita dai pazienti sottoposti a tale chirurgia.

Nel contesto del ricovero in day surgery è sempre comunque garantita la possibilità di una notte passata in ospedale: questo avviene quando c’è indicazione medica ad un’osservazione clinica prolungata del malato operato.

In un contesto dove il servizio sanitario in questa formula è erogato ad altissimi livelli sia per l’elevata competenza dei medici, infermieri e personale sanitario con cui collaboro, sia perché il percorso attuato è ben consolidato, non posso che essere lieto della responsabilità affidatami, certo di poter rendere orgoglioso il mio predecessore, Dr. Freddy Galli, che ha reso stabili le fondamenta organizzative di tale struttura. Concludo ringraziando il mio Primario, Dr. Andrea Rizzi, che, credendo in me, ha fortemente voluto la mia candidatura.

ARTICOLI RECENTI

MESHED – PRESI NELLA RETE. FINALMENTE UN CONGRESSO DI NUOVO IN PRESENZA

Ritornare a partecipare in presenza ad un congresso è stato emozionante. Tanti gli argomenti toccati, tra cui: la prevenzione chirurgica dei difetti di parete; l’approccio extraperitoneale alle ernie di confine; il futuro della riparazione mininvasiva delle ernie ventrali ed incisionali; le nuove frontiere della chirurgia robotica.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con la tua rete sul social network che preferisci!